La nuova Giulia cattura il passato

Un applauso.

volevo inziare così, per la nuova Giulia scrivere qualcosa di signorile, di effetto..ma occorre sorprendere il lettore così come la Giulia ha sorpreso noi. Una giornata fantastica, come non se ne vedevano dagli anni ’90, per provare l’ultimo gioiello Alfa Romeo.

giulia quadrifoglio nera
giulia quadrifoglio nera

Questo è uno di quei casi in cui parlare serve a poco, è necessario riportare l’entusiasmo dei tecnici Alfa Romeo presenti e della responsabile marketing Elisa Wertelt, che, pur non essendo un’esperta della storia Alfa Romeo (almeno di quella degli ultimi 40 anni) ha trasmesso le proprie emozioni.

Emozioni. Alfa Romeo ne ha sempre trasmesse a chi sceglieva di guidare le auto uscite dalle fabbriche del biscione e, la Giulia,  sembra progettata per resuscitare i morti.

Un paio di giri del “pistino” di Arese, sotto il diligente controllo del famoso Giorgio Francia

giorgio francia
giorgio francia non appare convinto della nostra performance

ci fanno assaggiare un’automobile straordinaria: handling eccezionale, comportamento dinamico fuori dal comune, parole che non rendono giustizia alla vettura.

Ma stiamo parlando del top di gamma: la quadrifoglio verde, noi vogliamo essere sicuri che anche le altre auto del listino siano all’altezza del marchio, così ci permettono una prova su strada con le diesel..lontani sono i tempi del motore perkins, mentre la fluidità di guida ricorda molto di più i motori 16V delle “156″ che quelli delle più recenti “159”. Per i “poveri” il consiglio finale è la 2.2 180 CV: coppia in abbondanza e straordinaria erogazione, approvata dai possessori di alfa 156!

la gioia di raccontare cosa si guida!
la gioia di raccontare cosa si guida!

Concludiamo consigliandoVi di non accontentarVi delle recensioni e delle opinioni altrui: andate in concessionaria e chiedete di provare la Giulia, non sarà l’auto disegnata dal vento ma sembra proprio il ritorno dell’Alfa Romeo.

Marco Pitzolu

Nato a Roma nel 1978 da una famiglia di origini Sarde è appassionato di Alfa Romeo e di motori in generale. Sposato e con due figli, vive a Padova dove, tra un motore e l'altro, presta servizio presso la Squadra Volante della Questura di Padova. Ha avuto il privilegio di guidare molte delle auto in dotazione alla Polizia negli ultimi anni; tra le ultime una potente Alfa Romeo 159 2.4 JTDM.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *