16 Marzo 1978

Probabilmente tutti hanno riconosciuto l’alfetta ritratta in queste foto (per le quali ringraziamo Moreno Fabris), è quella della scorta dell’Onorevole Aldo Moro, a bordo della quale furono assassinati le Guardie di Pubblica Sicurezza (ora Polizia di Stato) Giulio Rivera e Raffaele Iozzino nonchè il Vicebrigadiere Francesco Zizzi.

alfetta moro
L’alfetta RomaS93393 com’è oggi

Quest’auto è rimasta abbandonata per anni nelle strutture logistiche della Polizia, un po’ come quando si conserva un giocattolo rotto in onore delle giornate di felicità che ci ha regalato ma poi non lo guardiamo mai perchè la malinconia prenderebbe il sopravvento.

alcuni particolari sono andati persi col tempo
alcuni particolari sono andati persi col tempo

Da qualche tempo alcune associazioni si stanno impegnando affinchè l’auto venga sottoposta ad un restauro conservativo e, magari, esposta in qualche collezione. Nel frattempo l’Alfetta viene spostata, a seconda delle esigenze operative, da una parte all’altra dei capannoni.

sono visibili i segni lasciati dalle pallottole dei terroristi
sono visibili i segni lasciati dalle pallottole dei terroristi

Alcuni particolari sono stati danneggiati dal tempo e dall’incuria, ma i fori dei proiettili e  le macchie di sangue versate dai Poliziotti sono ancora visibili; la targa RomaS93393 e lo scudo Alfa Romeo resistono tenacemente allo scorrere del tempo, come la voglia di sapere cosa accadde il 16 Marzo del 1978.

disclaimer: la condivisione, la modifica e più in generale l’uso di queste immagini NON è consentito senza il consenso scritto dell’autore del presente articolo. E’ possibile condividere l’intero articolo citando la fonte.

Quadrifoglio Verde

Redazione blog Quadrifoglio Verde

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *