Alfa City 2017 – l’accoglienza della terra Magiara

Anche quest’anno non abbiamo mancato l’appuntamento con il più grande raduno statico di Alfa Romeo del centro Europa. Quest’anno la delegazione del Registro Italiano Alfasud si è arricchita di altri amici che, per l’occasione, hanno scelto di raggiungere il lago di Balaton con un’Alfa 33 prima serie

il team durante una pausa del viaggio

con ben 340 mila Km! Un piacevole ritorno, inoltre, per l’Alfa 156 Polizia che già due anni fa era stata la protagonista a Balatofured e che quest’anno festeggia i vent’anni del modello mentre non poca curiosità ha suscitato l’ARNA rosso veneziano, un’auto mai commercializzata in Ungheria e ormai rarissima anche in Italia.

Memori delle passate esperienze il nostro supporto logistico non si è fatto cogliere

rigatoni alla carbonara, what else?

impreparato: anche questa volta veniva organizzato il rituale pranzo con i rigatoni alla carbonara ma la pasta,  l’olio extravergine d’oliva ed il formaggio grattugiato provenivano dalla ridente terra italiana mentre le uova e la pancetta sono state donate dalle campagne magiare; il risultato soddisfa gli occhi ed il palato!

Anche la sistemazione destinataci dagli amici di AlfaAmore è la tradizionale casetta nel

i rilassanti preparativi in attesa del raduno
il trenino all’interno della stazione

bosco che aumenta la sensazione di trovarsi in una vera vacanza: l’atmosfera in attesa del sabato è di gran relax ed ognuno di noi la passa in maniera diversa, alcuni fanno una veloce scappatella a Budapest col treno che parte dalla stazione di Zankafurdo (una linea NON elettrificata a binario singolo). All’interno dell’edificio che ospita la stazione, ormai chiuso, vi è un vecchio modello di treno a vapore (vecchio anch’esso) che da un non so che di malinconico.

Il venerdì  mattina sulla “spiaggia” del lago si svolge un torneo di di beach volley dal nutrito seguito, partecipa, infatti, anche una delegazione della Polizia ungherese, colta dal nostro fotografo all’arrivo in autobus. Come si può notare dalle fotografie l’attenzione dello Stato Ungherese per le livree delle Forze di Polizia non è all’altezza di quelle di altri paesi

la Polizia in verde

europei, ma d’altra parte quello che conta è l’efficenza!

Il sabato dal mattino presto inizia l’affluenza di Alfa Romeo, c’è una fila per l’ingresso già dalle 9 di mattina tanto da farci pensare che il record di automobili dell’anno scorso verrà battuto. A QUESTO indirizzo è possibile vedere il nostro ingresso ad Alfacity 2017 registrato con una telecamera 360 gradi.

Il raduno è stato, come negli anni scorsi, fantastico: un vero e proprio meeting “all’antica”

le auto nella zona heritage

simile ai raduni motociclistici con concerti e mercatini, una sorta di contenitore di eventi. Come dicevamo il record dell’anno scorso è stato battuto poichè sono state registrate 1321 vetture Alfa Romeo con un affluenza di migliaia di persone. Durante la manifestazione è stato possibile toccare “con mano” la Giulia e la nuova Stelvio mentre gli appassionati di heritage affollavano l’area dedicata alle auto storiche.

Anche questa volta ringraziamo Tedi e Szolti nonchè tutti gli amici di AlfaAmore che ci hanno ospitato e fatto sentire a nostro agio nonostante le solite difficoltà linguistiche (no, non siamo ancora riusciti ad imparare l’ungherese!), ringraziamo anche Marco Fazio, manager di FCA Heritage, per la compagnia e per aver scelto di viaggiare al sicuro!

ci vediamo nel 2018!!

 

 

Marco Pitzolu

Nato a Roma nel 1978 da una famiglia di origini Sarde è appassionato di Alfa Romeo e di motori in generale. Sposato e con due figli, vive a Padova dove, tra un motore e l'altro, presta servizio presso la Squadra Volante della Questura di Padova. Ha avuto il privilegio di guidare molte delle auto in dotazione alla Polizia negli ultimi anni; tra le ultime una potente Alfa Romeo 159 2.4 JTDM.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *